Se il vostro Keyone è fermo alla patch di giugno, sicuramente non avete ancora ricevuto l’ aggiornamento del sistema operativo “OREO”, ovvero Android 8.1, ormai installato via OTA da molti utilizzatori dello smartphone BlackBerry.

I vantaggi del nuovo sistema operativo sono innegabili, perciò chi non vuole attendere oltre può seguire questa semplice guida.

Non occorre avere grandi conoscenze informatiche, in estrema sintesi si tratta di una procedura che può essere riassunta in questi quattro punti.

1) Scaricare l’ autoloader
2) Estrarre il file compresso in una cartella del computer
3) Collegare il telefono precedentemente messo in modalitĂ  fastboot al computer
4) Eseguire dalla cartella il file “flashall.bat” da Windows o “flashall.sh” da Linux / Mac

Di default, l’ installazione cancellerà i dati del telefono che si riavvierà come alla prima accensione, ma con il sistema operativo Oreo.

Se invece si desidera installare l’aggiornamento senza cancellare i dati del telefono (io consiglio comunque una installazione “pulita”), basterĂ  utilizzare al suddetto punto 4, i file .bat (Windows) o. Sh (Mac), contrassegnati da “flashall_nowipe”.

Ora procediamo con il dettaglio.

1) Scaricare l’ autoloader
Prima di cominciare, è utile togliere la password dal dispositivo se presente, in quanto può causare errori nella modalità fast e successive richieste di inserimento password.
Di solito i driver BlackBerry richiesti, si autoinstallano sul Pc quando si collega il Keyone tramite il cavetto usb, ma se per qualsiasi motivo questo non accade si possono prelevare da qui https://swdownloads.blackberry.com/
Detto ciò, è arrivato il momento di scaricare il file autoloader, si tratta del file zippato “ABD786Uni.7z”, ha una dimensione di 1,98 gigabyte, quindi occorre una buona connessione wifi e un poco di pazienza per acquisire su computer il file da questo link “mega”, https://mega.nz/.. si può anche scegliere di scaricare la seconda beta “Oreo” piĂą aggiornata (ABG366.7z), da questo link https://androidfilehost.com/?

2) Estrarre il file compresso in una cartella del computer
Il file compresso autoloader appena scaricato, ha estensione 7z, quindi il miglior programma per decomprimerlo è sicuramente 7zip, un programmino gratuito e di piccole dimensioni che si può scaricare e installare in un attimo dal suo link ufficiale https://www.7-zip.org/
Quindi selezionando con il tasto destro del mouse il file appena scaricato, basterĂ  selezionare “Estrai in ……….” per fare in modo che l’ autoloader venga decompresso all’ interno di quella cartella che conterrĂ  tutti i file necessari per l’installazione del nuovo sistema operativo Oreo.

3) Collegare il telefono precedentemente messo in modalitĂ  fastboot al computer
Togliere il blocco schermo e mettere il Keyone in modalità fastboot, per fare questo occorre tenere premuti entrambi i pulsanti di “Accensione” e “Riduzione volume” per 30 secondi. A questo punto si rilasciano i tasti e lo smartphone si riavvia con Android in modalità fastboot, ovvero verrà visualizzato il “BlackBerry Bootloader Menu”.
Ora il Keyone può essere collegato al computer con il suo cavetto usb.

4) Eseguire dalla cartella il file “flashall.bat” da Windows o “flashall.sh” da Linux / Mac, per una installazione che inizializza il Keyone, oppure il file con la dicitura “flashall_nowipe” per un aggiornamento
A questo punto c’è poco da aggiungere, occorre solo portarsi sulla cartella del computer dove è stato estratto l’ autoloader, aprire il file “bat” (nel caso di un pc windows) e seguire le istruzioni che compariranno sullo schermo (potrebbe essere necessario inserire la password se non l’abbiamo tolta dal Keyone).

Alla fine dell’ attività di installazione, il Keyone si riavvia con Android version 8.1.0 (sistema operativo Oreo), numero build ABD796 oppure ABG366 se avete installato la seconda beta più aggiornata.

Solita raccomandazione finale

Siate consapevoli che seppure le operazioni di aggiornamento non sono particolarmente complicate, c’è sempre un minimo di rischio che la procedura possa non andare a buon fine, quindi avviate l’aggiornamento solo se siete convinti di volerlo fare, noi non possiamo assumerci alcuna responsabilità sull’ esito della procedura. Infine, per determinare se un sistema operativo è più recente di quello attualmente installato, sarà sufficiente sapere che i numeri della versione sono sequenziali, quindi ABAxxx è più recente di AAZxxx che a sua volta è più recente di AAYxxx